VIKTOR UND VIKTORIA

Dal: 05/02/2019 - Al: 17/02/2019
Teatro Quirino - Roma
immagine non visualizzata

commedia con musiche liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel

versione originale Giovanna Gra

con

GIORGIO BORGHETTI YARI GUGLIUCCI

e con

Pia Engleberth Roberta Cartocci Nicola Sorrenti

scene Alessandro Chiti
costumi Valter Azzini
luci Alessandro Verazzi

musiche originali e arrangiamenti Maurizio Abeni

regia Emanuele Gamba
personaggi e interpreti
Susanne Weber Veronica Pivetti
Frederich Von Stein Giorgio Borghetti
Vito Esposito Yari Gugliucci
Ellinor Von Punkertin Pia Engleberth
Lilli Schultz Roberta Cartocci
Gerhardt Nicola Sorrenti

In una Berlino stordita prima dai fasti e poi dalla miseria della repubblica di Weimar, un’attrice di provincia, Susanne Weber (Veronica Pivetti), approda in città spinta dalla fame e in cerca di scrittura. Il freddo le ha congelato le membra e anche il cuore non è rimasto illeso. L’incontro con un collega attore, Vito Esposito (Yari Gugliucci) immigrato italiano, sembra cambiarle la vita. E mentre la città subisce gli umori delle nascenti forze nazionalsocialiste di Hitler in lotta contro gli spartachisti dell’estrema sinistra, Susanne e Vito s’immergono negli eccessi della vita notturna weimeriana. La coppia condivide fame, scene e battute e, alla fine, i due si scambieranno anche... sesso ed identità! Ed è per proprio per l’affamata ditta che Susanne si sacrifica e diventa... Viktor und Viktoria, cioè un acclamato ed affascinante en travesti, anche grazie all’aggiunta di un colorato, buffo e stravagante fallo di cotone che sarà l’emblema del loro piccolo grande segreto.

Viktor und Viktoria viene acclamato in tutti i teatri d’Europa. Una brillante compagnia capitanata dalla caustica Baronessa Ellinor Von Punkertin (Pia Engleberth) in cui spiccano Lilli Shultz (Roberta Cartocci), buffa e biondissima ballerina di fila di cui Vito è innamorato e un attrezzista dai modi bruschi e obliqui, Gerhardt (Nicola Sorrenti) che miete successi ovunque.
Ma, tornati a casa per l’ultima recita, un incontro fatale con il fascinoso conte Frederich Von Stein (Giorgio Borghetti) sfiorerà il cuore gelato di Susanne. Purtroppo, anche il conte ha un segreto e la liaison si complica.
E, mentre a Berlino la situazione politica degenera precipitosamente, la nostra protagonista sarà costretta a fare le sue scelte: sentimentali e di vita.

Non tradire mai Vito, l’amico inseparabile, né il conte, ormai padrone del suo cuore. Riuscirà Susanne/Viktor ad abbandonarsi fra le braccia del suo inaspettato amore senza che la
scelta le risulti fatale? Sullo sfondo di una Berlino anni trenta, una spassosa Veronica Pivetti ci racconta una storia piena di qui pro quo, cambi di sesso, scambi di persona e ricca di intrecci sentimentali
senza esclusione di colpi.

Teatro Quirino
Visualizza sito web
SITO WEB
IN AGENDA
NEWS
LA VOLPE E IL LEONE @ Teatro Lo Spazio: il più grosso inganno letterario di tutti i tempi
Al teatro Lo Spazio La Volpe e il Leone, pièce con un cast d'eccezione che tenta di svelare la frode teatrale di tutti i tempi: il Bardo di Statford è in realtà italiano anzi di Messina. Ins cena fino al 17 febbraio 2019
FUCK ME(N) @ Teatro Cantiere Florida: il maschio è morto e anch'io non mi sento tanto bene
FUCK ME(N): la crisi del maschio in scena al Teatro Cantiere Florida con Alex Cendron unico interprete di tre monologhi sul genere maschile di Massimo Sgorbani, Giampaolo Spinato, Roberto Traverso. Nel foyer la mostra fotografica ME(N) di Laila Pozzo
SOCRATE IL SOPRAVVISSUTO @ Teatro dei Rozzi, Siena: un dialogo intriso di domande tra antichità e presente
Nel suggestivo Teatro dei Rozzi di Siena in scena SOCRATE IL SOPRAVVISSUTO della compagnia Anagoor diretta da Simone Derai. Un lacerante dialogo tra antichità e presente. Se i maestri falliscono, se l’apprendimento è vano, che ci rimane?
LETIZIA VA ALLA GUERRA @ Teatro della Cometa: un duo eccezionale per raccontare una suora, una sposa e una puttana
Un raro esempio di buon Teatro, sensibile e brillante, un ménage femminile ben riuscito: dalla scrittura alla regia, dal coraggio alla paura, dalla voce al colore. Due ragazzi strabordanti di talento, Agnese Fallongo e Tiziano Caputo