PIRANDELLIANA
Dal: 10/07/2018 - al: 12/08/2018
Giardino della Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio all’Aventino – Piazza S. Alessio 23 - Roma

Torna anche la rassegna teatrale PIRANDELLIANA (10 luglio - 12 agosto) giunta alla XXII edizione, a cura di La Bottega delle Maschere, che nell’incantevole scenario del Giardino di Sant’Alessio all’Aventino propone questa estate due capolavori pirandelliani: Il berretto a sonagli e I giganti della montagna. Il primo riflette su come l’apparire conta più dell’essere. Il secondo è un inno alla poesia, alla fantasia, al sogno, in un tempo di tecnocrati “duri di mente”.

Info:
I GIGANTI DELLA MONTAGNA
(il martedì, il giovedì, il sabato)

IL BERRETTO A SONAGLI
(il mercoledì, il venerdì, la domenica)

Regia di Marcello Amici

Inizio spettacoli ore 21.15; fine spettacoli ore 23.10 (circa)

Ingresso: intero € 16,00 – ridotto € 14,00

Informazioni: info@labottegadellemaschere.it

Prenotazioni dal 25 giugno 2018

 

 

link

IN AGENDA

Settembre
26

NEWS

FARSI SILENZIO @ Chiostro di Villa Vogel. Il sacro ascolto dell'altro
La performance di teatro partecipato FARSI SILENZIO di Marco Cacciola e Tindaro Granata guida lo spettatore in cuffia alla ricerca del Sacro attraverso un pellegrinaggio fatto di incontri laici, agnostici e mistici
Se vuoi vivere felice non smettere mai di cercare - Fortunato Cerlino
Fortunato Cerlino ha scritto il libro, il romanzo che tutti noi vorremmo scrivere o aver già scritto.
WALKING THÉRAPIE @ Teatro di Rifredi: una terapia contro le terapie
Dal 21 luglio al 4 agosto è sbarcato dal Belgio a Firenze l'esperimento di psico-camminata urbana Walking Therapie grazie a Pupi e Fresedde del Teatro di Rifredi dopo il successo riscontrato anche negli adattamenti ad Avignone e Rennes.
WE LOVE ARABS @ Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: lo spazio scomodo dove non c'è un arabo
Continua con We Love Arabs la rassegna di danza contemporanea Fuori Programma al Teatro Vascello.  Hillel Kogan, coreografo israeliano proveniente dalla prestigiosa Batsheva Dance Company di Tel Aviv, apre questo spettacolo ironico e tagliente parlando al pubblico del movimento, della danza che penetra lo spazio, e di questo spazio che può essere vissuto dal corpo ma che a volte invece è ostile.