SOGGETTI PER UN BREVE RACCONTO da “Il gabbiano” di A. Cechov
Dal: 10/05/2018 - al: 11/05/2018
Teatro Brancaccino - Roma

Ore 20.00
Rivisitazione de “Il gabbiano” di Cechov a cura di Virginia Franchi e Lorenzo Gioielli.

Un vecchio panfilo galleggia a malapena in un porticciolo del Mediterraneo. Ci vive Sorin, vecchio innocente e buono e suo nipote, Kostantin. Vengono accuditi da Olga, la giovane badante, e accolgono di frequente sua sorella Arkadina e alcuni suoi amici.  Ci sono Nina, Trigorin, Polina, Dorn, Sonia, Mascia, Medvedenko. Tutti amano o sono riamati dalla persona sbagliata. C’è un gabbiano, che osserva tutta questa inesausta e vivacissima disperazione fino a morirne. C’è il mare, il mare, il mare.

Scritto e interpretato da: Carlotta Solidea Aronica, Jacopo Badii, Ludovica
D'auria, Lara Galli, Rose Marie Gatta, Federico Gatti, Valeria Iovino, Pietro
Lasciato, Mattia Lauro, Chiara Lorusso, Vittorio Magazzu'; Tamburello, Antonio
Muro, Clarissa Rollo, Susanna Valtucci.

link

IN AGENDA

Agosto
15

NEWS

WALKING THÉRAPIE @ Teatro di Rifredi: una terapia contro le terapie
Dal 21 luglio al 4 agosto è sbarcato dal Belgio a Firenze l'esperimento di psico-camminata urbana Walking Therapie grazie a Pupi e Fresedde del Teatro di Rifredi dopo il successo riscontrato anche negli adattamenti ad Avignone e Rennes.
WE LOVE ARABS @ Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: lo spazio scomodo dove non c'è un arabo
Continua con We Love Arabs la rassegna di danza contemporanea Fuori Programma al Teatro Vascello.  Hillel Kogan, coreografo israeliano proveniente dalla prestigiosa Batsheva Dance Company di Tel Aviv, apre questo spettacolo ironico e tagliente parlando al pubblico del movimento, della danza che penetra lo spazio, e di questo spazio che può essere vissuto dal corpo ma che a volte invece è ostile.
DON'T TALK TO ME IN MY SLEEP @Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: Warhol e sua madre, un rapporto difficile
Lo ammetto, non é stata una passeggiata assistere allo spettacolo, sono stati sessanta minuti intensi, dove ho provato sentimenti misti di angoscia e ansia. Geniale l'idea coreografica e la scelta del tema, seppur angosciante. Il rapporto tra madre e figlio, ma non quello sano che siamo soliti pensare. Quello perverso, ossessivo, ambivalente, claustrofobico, malato.
CORPO A CORPO: un ring fuori dalle righe @Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA
CORPO A CORPO di Nello Calabrò e Roberto Zappalà, ha concluso lo scorso 27 Luglio il Festival internazionale della danza contemporanea FUORI PROGRAMMA , sotto la direzione artistica di Valentina Marini.