Women in music
Dal: 07/03/2018 - al: 11/03/2018
Teatro Trastevere Via Jacopa de' Settesoli, 3 - Roma

Settimana teatrale dedicata a due grandi figure femminili della Musica
del Novecento: Billie Holiday e Edith Piaf

7-8 marzo 2018
La Petite Robe Noire

di Velia Viti e Annamaria Iacopini

Regia
Velia Viti
Con Annamaria Iacopini e Cristina Pensiero

Coreografie Cristina Pensiero

La voce di Jean Cocteau è di Sebastiano Colla
(l’8 marzo TESSERA ASSOCIATIVA gratuita per le donne)

“La nigredo, termine latino che significa colore nero o nerezza, denota in alchimia la fase al Nero della Grande Opera, fase in cui la materia deve essere decomposta, affinché ritorni al suo stadio primitivo, cioè alla condizione del caos originario da cui ha avuto origine tutta la creazione: dapprima occorre infatti distruggere gli elementi, perché si possano ricomporre successivamente in una sintesi superiore”

E’ un’icona: Edith Piaf, esile e con poca grazia, con indosso “la petite robe noire”, il tubino nero, scelto dalla cantante come abito di scena per ogni sua apparizione. Ma di “cose nere”, di angoli oscuri, è costellata tutta la breve vita del “passerottino”(“piaf” vuol appunto dire passerotto), fin dall’inizio: dalla nascita sul marciapiede all’infanzia in un bordello, dal periodo di cecità alle esibizioni in strada, dalla morte di una figlia a quella di un grande amore. Fare un recital originale che unisce parole, musica e danza, prendendo spunto da alcuni precisi episodi della vita di Edith Piaf, alcuni morbosi altri drammatici, altri semplicemente curiosi, vuol essere il tentativo di riabilitare tutto “il nero” che circonda la vita di ogni individuo, perché, citando Jung, “non si diventa
illuminati immaginando figure di luce, ma divenendo coscienti del buio”.

9-11 Marzo 2018
Lady Holiday
MISSISSIPPI DRUNK


Regia
Alessandra Caputo e Simone Fraschetti
con Valentina Conti.

Una produzione PATAS ARRIBA TEATRO

Lady Holiday MISSISSIPPI DRUNK è un lavoro che intende omaggiare una donna che è emersa nella storia della musica jazz per il suo talento e la sua forza. Sarà una celebrazione dell’intensità di una vita difficile ma piena di risorse, quella di Billie Holiday (1915-1959). Chiamata da tutti “Lady” e acclamata dal pubblico entrava però dalla porta di servizio dei locali in cui si esibiva, perché di colore. Una donna dalla personalità travolgente, nata da genitori adolescenti e a lavoro fin da piccola nei contesti più degradati dei sobborghi degli Stati Uniti. Sottomessa dalle sfortune e dalle violenze con la sua voce inconfondibile radicata nella tradizione blues e il suo perenne fiore bianco tra i capelli, ha saputo lasciare un messaggio di bellezza e valore col potere del proprio talento. Morta all’età di 44 anni è stata l’interprete speciale della famosa canzone Strange Fruit che racconta degli atroci linciaggi nei confronti dei neri e che ci apre a dei contatti con una storia che non si deve dimenticare. 

Un’icona attuale ma ancora tutta da riscoprire insieme a un mondo musicale ricco di aneddoti e mistero.

Lo spettacolo, tratto dal testo di Alessandra Caputo pubblicato per la collana teatrale Scena Muta, con una ballata di Adriano Marenco, rende un omaggio visionario e musicale a una storia che abbraccia un destino molto più ampio di quello di questa straordinaria donna e che affonda nelle radici nere della segregazione razziale, del confronto tra bene e male e dei Poteri della musica, il tutto secondo l’estetica onirica e audace dei Patas Arriba Teatro che in questa regia, curata dalla stessa autrice con Simone Fraschetti, si accorda alla musica accuratamente scelta ed eseguita dal vivo da Rodolfo V. Puccio e  all’interpretazione di Valentina Conti.

link

IN AGENDA

Luglio
18

NEWS

KAN YA MAKAN @ Teatro del Carcere di Sollicciano. C'era una volta, c'è ancora e ci sarà. Intervista alla regista Elisa Taddei
La Compagnia di Sollicciano, formata da attori detenuti, in scena nel Teatro del Carcere con la nuova produzione in prima nazionale, Kan Ya Makan, per la regia di Elisa Taddei: la meraviglia e la bellezza fiaba nel regno della pena
EIKONES @ OPRA PRIMA: Donne che credono all'ingegno delle donne
Raffinato, dotto e affilato il testo di Cecilia Bernabei, EIKONES è stato riportato in scena con maestria nel suggestivo ed adattissimo spazio riqualificato di Villa di Livia (a Prima Porta) all’interno della Rassegna OPRA PRIMA - Teatri di Pietra ancora in svolgimento in diverse location romane.
CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE: la Manifestazione a Roma
Il 21 maggio scorso, grande Manifestazione di piazza in difesa della Casa Internazionale delle Donne a rischio sfratto. Il Racconto di Simone Romano, presente tra la folla di manifestanti. Le emozioni, i canti, le speranze, di un popolo da difendere
ENRICO CARUSO: LA VOCE E LA PASSIONE @ Villa Caruso Bellosguardo: le passioni della vita e della carriera del divo Caruso
Nuovo spettacolo della Compagnia delle Seggiole dedicato alla vita e alla passione del tenore napoletano Enrico Caruso presso la Villa che è stata di sua proprietà sulle colline di Lastra a Signa (FI). Il primo ciclo si è concluso il 1 luglio.