MI RICORDO DI TE
Dal: 12/01/2018 - al: 21/01/2018
Ar.Ma Teatro - Roma
BIGLIETTO RIDOTTO A 8 EURO invece di 12, PRENOTANDO COME LETTORE DI GUFETTO! Per info: 06 3974 4093

Mi ricordo di te, è con questo spettacolo che Daria Veronese direttrice dell' Ar.Ma Teatro inaugura il 2018. In scena, dal 12 al 21 gennaio, solo dal venerdì alla domenica, la Compagnia della Farsa e Capsa Service producono il testo di Stefano Terrabuoni diretto da Luca Pennacchioni con Claudia Spedaliere, Gabriele Marconi, Gianni Mirizzi, Laura Mannino,Valentina Mauro e il M°Gianni Mirizzi alla fisarmonica.

Si sta per festeggiare la promozione di Filippo e la sua casa quanto la sua splendida moglie Erminia, sono pronti per l’occasione. La tavola è imbandita e gli amici più cari stanno arrivando, nulla sembra poter turbare o scalfire il clima di serenità che pervade la casa. All’improvviso l’amnesia, Filippo non riconosce più i suoi amici, non li ricorda, come non ricorda gli aneddoti che gli vengono raccontati, si ritrova a piangere della perdita di persone di cui non ricorda nemmeno di aver partecipato al funerale. Come se non bastasse emergono particolari della sua vita imbarazzanti e molto pericolosi, che rischiano di compromettere il suo matrimonio. Gabriele Marconi si calerà nel ruolo del protagonista, accompagnato da Valentina Mauro che interpreterà la moglie Erminia. Claudia Spedaliere, Laura Mannino e Gianni Mirizzi vestiranno rispettivamente i panni di Margherita, Adele e Claudio, gli amici invitati alla festa.

Questa commedia, scritta da Stefano Terrabuoni è tratta dal suo romanzo “Mi ricordo di Te”. L’opera dai ritmi già molto serrati e dagli innumerevoli spunti comici, nella regia di Luca Pennacchioni, viene arricchita dalle atmosfere create dalla fisarmonica del maestro Gianni Mirizzi , questa volta nella doppia veste di attore e musicista, e da una precisa volontà registica di adattare il testo in base alle caratteristiche e peculiarità della compagnia. Questo ha dato vita ad uno spettacolo fresco, veloce ed estremamente divertente con la brillantezza ed il giusto ritmo che solo una compagnia eterogenea ed estremamente affiatata riesce a dare. 

Mi ricordo di te
Scritto da: Stefano Terrabuoni
Regia di: Luca Pennacchioni
Con: Claudia Spedaliere, Gabriele Marconi, Gianni Mirizzi, Laura Mannino,Valentina Mauro
Scenografia: Luca Pennacchioni
Fisarmonica: Gianni Mirizzi
Disegno luci: Massimo Sugoni
Costumi: Fjorilda Dyli
Tecnico audio-luci Giampaolo Amico
Fotografie di scena: Agnese Ruggeri 
Organizzazione: Daria Veronese
Produzione: Compagnia della Farsa e Capsa Service

 

Ar.Ma Teatro
via Ruggero di Lauria, 22 Roma
Dal 12 al 14 e dal 19 al 21 Gennaio 2018 
ore 21.00, domenica ore 18.00.
Biglietto: Intero 15 €, Ridotto su prenotazione 12 €, 
Info e prenotazioni: 06 3974 4093 
mail : info@capsaservice.it
www.compagniadellafarsa.com

link

IN AGENDA

Settembre
26

NEWS

FARSI SILENZIO @ Chiostro di Villa Vogel. Il sacro ascolto dell'altro
La performance di teatro partecipato FARSI SILENZIO di Marco Cacciola e Tindaro Granata guida lo spettatore in cuffia alla ricerca del Sacro attraverso un pellegrinaggio fatto di incontri laici, agnostici e mistici
Se vuoi vivere felice non smettere mai di cercare - Fortunato Cerlino
Fortunato Cerlino ha scritto il libro, il romanzo che tutti noi vorremmo scrivere o aver già scritto.
WALKING THÉRAPIE @ Teatro di Rifredi: una terapia contro le terapie
Dal 21 luglio al 4 agosto è sbarcato dal Belgio a Firenze l'esperimento di psico-camminata urbana Walking Therapie grazie a Pupi e Fresedde del Teatro di Rifredi dopo il successo riscontrato anche negli adattamenti ad Avignone e Rennes.
WE LOVE ARABS @ Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: lo spazio scomodo dove non c'è un arabo
Continua con We Love Arabs la rassegna di danza contemporanea Fuori Programma al Teatro Vascello.  Hillel Kogan, coreografo israeliano proveniente dalla prestigiosa Batsheva Dance Company di Tel Aviv, apre questo spettacolo ironico e tagliente parlando al pubblico del movimento, della danza che penetra lo spazio, e di questo spazio che può essere vissuto dal corpo ma che a volte invece è ostile.