ECHOES

Dal: 28/11/2017 - Al: 03/12/2017
Teatro Argot Studio - Via Natale del Grande, 27 - Roma
immagine non visualizzata

BIGLIETTO RIDOTTO A € 8 (anziché € 12) PRENOTANDO COME LETTORI DI GUFETTO!

Leggi la Recensione di Gufetto: ECHOES: la tensione sul fil di luce (A.Mazzuca - Gufetto.press - dicembre 2016)


369 GRADI
presenta

ECHOES

dal 28 NOVEMBRE al 3 DICEMBRE 2017
30 november english version

di Lorenzo De Liberato
regia Stefano Patti
con Marco Quaglia e Stefano Patti
la voce di Nancy Babich è di Giordana Morandini
light designer Paride Donatelli | scenografia Barbara Bessi
costumi Marta Genovese | sound designer Matteo Gabrielli e Samuele Ravenna
aiuto regia Cristiano Demurtas

Progetto sostenuto da Carrozzerie n.o.t.
Residenza produttiva 2015 presso Teatro Studio Uno.
PRESENTATO AL FRINGE FESTIVAL DI EDIMBURGO 2017

In un futuro distopico e vicino a noi la Terra è divisa in grandi blocchi governativi. Non esiste la democrazia come la conosciamo. Non esiste l’umanità come la intendiamo oggi. Una bomba è stata sganciata in un agglomerato urbano. Sono morte un milione di persone. Un giornalista, De Bois, intervista il responsabile della carneficina, il misterioso Ecoh. La domanda è semplice e precisa: Perché?

Quello che mi ha colpito del testo di Lorenzo De Liberato è l’appassionata crudeltà con cui i due protagonisti si studiano, si attaccano, si divorano all’interno della griglia drammaturgica del “thriller”: un bunker, una crisi economica, un’intervista, uno sterminio. La ricchezza di temi come l’Amore, il Potere, l’Economia e la Religione presenti in Echoes permette un’analisi sull’uomo e sulle sue paure. La paura porta Ecoh a imporre il passaggio di testimone a De Bois: i due opposti diventano così tragicamente complementari. Il bunker, luogo affascinante e oscuro dove è ambientata la vicenda, rappresenta per me un ring, una scacchiera, un set televisivo dove avviene il massacro, principalmente dialettico. Diveniamo così spettatori di un urlo disperato dove l’unico interlocutore è una eco fredda e distaccata”. Stefano Patti

"La recitazione è impressionante, ogni movimento lascia trapelare suspense. Ogni battuta, ogni parola, nel modo in cui viene consegnata, è concepita in modo straordinario. Ciò che riescono a fare, il modo in cui riescono a catturare il pubblico con così poco, è incredibile". ★★★★★ Edinburgh Culture Review
"Echoes è retto da due prove attoriali eccezionali. Lo spettacolo riesce a catturare il pubblico grazie alla potenza della recitazione e della regia. Le premesse sono affascinanti e la trama stile intervista è intrigante." ★★★★ Matthew Keeley - The Wee Review

Teatro Argot Studio
Via Natale Del Grande, 27 | 00153 Roma
tel. 06/5898111

Orario Spettacoli:
dal martedì al sabato alle 20.30 
domenica alle 17.30
 
Prezzo biglietti:
intero 12 euro
ridotto 10 euro 
studenti 8 euro 
tessera associativa 5 euro 

Info e prenotazioni:
info@teatroargotstudio.com

SITO WEB
IN AGENDA
NEWS
A PORTE CHIUSE @Teatro Cometa Off: anime spogliate a colpi di tango e parole
In scena fino al 18 Novembre al Teatro Cometa Off, “A porte chiuse” porta in scena il testo teatrale di J.P. Sartre riadattato in modo originale dalla regista Marine Galstyan in collaborazione con il coreografo Sargis Galstyan.
YORICK. Un Amleto dal sottosuolo @ Teatro Era, Teatro Studio: la visione capovolta della realtà dei folli
YORICK. Un Amleto dal sottosuolo di Simone Perinelli debutta al Teatro Era di Pontedera e in replica al Teatro Studio di Scandicci, una produzione Leviedelfool e Fondazione Teatro della Toscana
DESMOND @ Teatrodante Carlo Monni: ridere dei propri demoni è un atto di guarigione
E’ andato in scena dalla notte di Halloween al 10 di novembre, al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio la commedia gotico-farsesca del regista e attore Andrea Bruni, in un'inaspettata atmosfera di contrasti, tra luce e tenebre.
MAD WORLD @ Teatro Lo Spazio: non si esce vivi dagli anni '80...o forse sì!
In scena dal 6 al 17 novembre al Teatro Lo Spazio, “Mad World – Non si esce vivi dagli anni 80” è uno spettacolo musicale che intende evocare lo spensierato fervore culturale e sociale che si respirò in un decennio di impetuoso boom economico, anni in cui era tutto un po' più semplice e genuino