CHIAMATEMI WOODY

Dal: 09/01/2018 - Al: 14/01/2018
Teatro Lo Spazio - Via Locri, 42/44 - Roma
immagine non visualizzata

Ridotto euro 9 + 3 euro tessera trimestrale prenotando come LETTORI DI GUFETTO!

dal martedì al sabato ore 20.30
domenica ore 17.00


"Ho sempre considerato la realtà un posto gramo dove vivere. Ma è anche l’unico posto dove ti puoi procurare del cibo cinese" (Woody Allen)

scritto e diretto da PIERPAOLO DE MEJO

con PIERPAOLO DE MEJO, VALERIO COSMAI
e con la partecipazione di OLIVIA CORDSEN
arrangiamenti VALERIO COSMAI

Se Woody Allen si materializzassi davanti a voi per un'ora e un quarto, cosa accadrebbe? Che i dialoghi più esilaranti tratti dai suoi film, i suoi monologhi e le sue ciniche riflessioni sul Cinema e sulla vita prenderebbero forma, si accavallerebbero in un turbinio d'irresistibile comicità.
Lo spettacolo ripercorre la sua vita e la sua produzione artistica, offrendo un ritratto preciso e tagliente della società newyorkese dagli anni '50 a oggi.
Ad accompagnare il racconto, brani d'oltreoceano eseguiti dal vivo e che hanno accompagnato intere generazioni (da Simon&Garfunkel ai Velvet Underground, i The Lovin’ Spoonful etc.). E non poteva mancare, ovviamente,... il jazz!

SITO WEB
IN AGENDA
NEWS
OVERLOAD @ Teatro Cantiere Florida: This is water del Collettivo Sotterraneo
Il Collettivo Sotterraneo è sold out al Teatro Cantiere Florida di Firenze con OVERLOAD, candidato finalista agli Ubu come miglior spettacolo 2018: un amaro ritratto del sovraccarico in cui siamo immersi
QUALCUNO DI TROPPO@Teatro degli audaci: un triangolo inedito
In scena al Teatro degli Audaci QUALCUNO DI TROPPO, fino al 9 dicembre, una commedia moderna perché figlia dei nostri tempi e delle voluttà dell’essere umano d’ogni sesso ed estrazione sociale e, a pensarci bene, d’ogni epoca
PRESS @TeatroStudioUno: la carta dimenticata
Sabato 1 Dicembre presso il Teatro Studio Uno è andato in scena lo spettacolo della compagnia1.4 di danza-teatro “Press”. Ideato e diretto da Lisa Rosamilia
XSTREAM @Spazio Diamante: cinque uomini dans la roue 
Un déjà vu, quello iniziale, degli interpreti già presenti in scena mentre il pubblico si accingeva disordinatamente e rumorosamente a prendere posto, ma la calma, la semplicità e la confidenzialità del momento ricordavano una sala prove