Il Giovane Riccardo
Dal: 11/01/2018 - al: 14/01/2018
Teatro Studio Uno - via Carlo della Rocca, 6 - Roma

BIGLIETTO RIDOTTO A 8 EURO invece di 12, PRENOTANDO COME LETTORE DI GUFETTO! Per info: 349 4356219- 329 8027943

Produzione Teatro Studio Uno

Di Alberto Fumagalli

Regia Alberto Fumagalli, Tommaso Ferrero

Con Alberto Fumagalli, Loris Farina, Antonio Muro, Alice Bertini, Ludovica D’Auria

“Il giovane Riccardo” è un progetto liberamente tratto dall’opera shakespeariana “Riccardo III” Riccardo, figlio deforme e poco amato dalla propria famiglia, attraverserà la sua giovinezza condannato dalla sua vera natura e dal rifiuto della società. Scuola, amici, amori, sport, niente riuscirà ad accettare il primo genito della casata degli York. 

Storpio, timido e inadatto, Riccardo proverà amore, paure, gioie e desideri, come ogni giovane ragazzo. 

Il continuo e violento rifiuto muterà il carattere di Riccardo. Il suo silenzioso e pacato carisma, la sua mai riconosciuta intelligenza, si muteranno in muta violenza, studiata vendetta e insaziabile ambizione.

 

link

IN AGENDA

Gennaio
17

NEWS

VERTENZE POLITICHE SU VERSIONE PORNOGRAFICA DEL MITO DI PASIFAE @ Carrozzerie n.o.t.: il Minotauro del XXI secolo
Le situazioni comiche lasciano sempre intravedere una critica più seria e consapevole, mentre i momenti più profondi non diventano mai stucchevoli o pedanti.
GEPPETTO&GEPPETTO e ANTROPOLAROID @ Teatro Magnolfi di Prato: il Teatro della Vita di Tindaro Granata
Il primo e l'ultimo lavoro di Tindaro Granata in scena al Teatro Magnolfi di Prato fino al 21 gennaio con la possibilità di incontrare l'artista in Piacevoli Conversazioni, informali chiacchierate sul tema della famiglia.
Diario di una schiappa@Avanti tutta!: L’incubo dell’adolescenza
Undicesimo libro della serie “Diary of a wimpy kid” scritta dallo statunitense Jeff Kinney, edito da Il Castoro
QUASI NATALE @ Teatro Brancaccino: la perdita di una famiglia tra apprensioni e umanità
Dall’11 al 14 Gennaio 2017 al Brancaccino di Roma la Compagnia Teatrodilina porta in scena uno degli aspetti sommessi e sottovalutati della nostra cultura della famiglia, l’anaffettività e la gestione morale delle relazioni familiari.