SIC TRANSIT GLORIA MUNDI

Dal: 16/03/2017 - Al: 17/03/2017
-
immagine non visualizzata
SITO WEB

ore 20:45

scritto e diretto da Alberto Rizzi

con Chiara Mascalzoni

Produzioni Ippogrifo – VENETO

Secondo premio della giuria alla 15° edizione del Premio Museo Cervi

 

Un monologo fanta-storiografico che non si concentra solo sull’esclusione delle donne dal sacerdozio, ma analizza le ragioni storiche, teologiche e religiose della sudditanza della donna all'uomo, nella chiesa e nel cattolicesimo laico.

Tre sono i pilastri dello spettacolo: il ruolo della donna nel passato della Chiesa, la biografia inventata della prima donna Papa e, infine, una storia alternativa e possibile della Chiesa attraverso le donne.

Puro, irriverente e disarmante lo stile registico. Una prova attoriale importante per Chiara Mascalzoni chiamata, attraverso roboanti costruzioni sceniche, a dare corpo e voce ad un racconto pieno di invenzioni e di emozioni (Alberto Rizzi).

IN AGENDA
NEWS
La notte della felicità di Tabish Khair @ Tunué: scoprire l’altro per scoprire sé
Breve romanzo edito quest’anno da Tunué, La notte della felicità è una lucida e perfetta discesa nella memoria di un uomo, Ahmed, che ha scelto la pace per sopravvivere ai suoi fantasmi.
L’attimo prima di Francesco Musolino @ Rizzoli: una storia che esplode nel cuore.
Una storia intima e coinvolgente, che come un ottovolante inizia con serenità, lentamente e poi tutt’a un tratto, prende velocità e ti sbatte su ripide salite e discese emotive che coinvolgono e trascinano. Un romanzo da applausi e standing ovation!
DA PROMETEO @ Teatro Fabbricone: indomabile è il mito
Nuova prima assoluta per il Metastasio di Prato che ha anche partecipato alla produzione di DA PROMETEO - Indomabile è la notte, ultima fatica del premio UBU Oscar De Summa in cui Prometeo veste i panni della giovane ribelle Tea
WHEN THE RAIN STOPS FALLING @ Teatro Metastasio: dell'infinito movimento del tempo
Due famiglie i cui destini si intrecciano in un tempo misto che è insieme presente, passato e futuro, nella geniale drammaturgia di Lisa Ferlazzo Natoli. Un imperdibile intrecciarsi di dimensioni per un episodio teatrale filosofico e indimenticabile