CORPO A CORPO: un ring fuori dalle righe @Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA
Di: Giada Somenzari
pubblicato il: 05/08/2018
categoria: DANZA

CORPO A CORPO di Nello Calabrò e Roberto Zappalà, ha concluso lo scorso 27 Luglio il Festival internazionale della danza contemporanea FUORI PROGRAMMA , sotto la direzione artistica di Valentina Marini.
La COMPAGNIA ZAPPALÀ DANZA, ha sicuramente aderito a pieno al titolo della rassegna, andando, a mio avviso, parecchio fuori dalle righe della danza comunemente intesa. Probabilmente troppo contemporaneo e troppo originale.

La cornice del teatro vascello allestita per l’occasione a ring, con tanto di saccone e guantoni. Due boxeurs in penombra, che alla fine scopriamo essere due controfigure dei danzatori, unici protagonisti della scena, che avrebbero interpretato da lì a poco, in modo estremamente bizzarro, Caino e Abelee il loro rapporto di odio e amore.

La lotta tra i due in stile CORPO A CORPO, da cui il titolo dello spettacolo.

La danza è stata inizialmente interessante, perché simulava l’incontro corporeo di due bambini rotolanti a terra, molto intensa l’esplorazione della presenza dell’altro con i piedi e il muoversi nello spazio a gattoni, ma nell’evoluzione verticale sia fisica che simbolica, visto che a un certo punto dello spettacolo c’è un chiaro rivolgersi al sacro guardando “lassù”, il movimento non si sviluppa esteticamente a pieno, mancano le linee e il controllo dei piedi, dando un senso fin troppo naturale e a tratti ludico.

Insomma rimaniamo un po’ a bocca asciutta, direi  anche un po’ interdetti, da un’esasperazione di movimenti che trascendevano un po’ troppo la sessualità, che può starci bene in qualche sprazzo, ma dopo un po’ credo abbia stancato, almeno chi vi scrive.

Inoltre i pezzi coreografici e “recitati” erano troppo lunghi, dopo un po’ ci si dimenticava perché il personaggio faceva quello che stava facendo, peccato.
Le luci ben curate e perfette per la scenografia, anche le musiche non erano male e molto diverse tra di loro, come intercalare il gong del pre-combattimento. Sarebbe senz'altro utile assistere ad altri spettacoli del coreografo, per capire il sotto testo delle scelte, senz’altro molto umanistiche.

Informazioni:
 

27 Luglio ore 21.00

Corpo a Corpo

Compagnia Zappalà Danza (IT)

prima regionale

da un’idea di Nello Calabrò e Roberto Zappalà

coreografia e regia Roberto Zappalà

musiche varie

danzatori Gaetano Montecasino, Fernando Roldan Ferrer

costume Roberto Zappalà

realizzazioni costumi e assistente Debora Privitera

luci Roberto Zappalà

Riferimenti :

IN AGENDA

Agosto
15

NEWS

WALKING THÉRAPIE @ Teatro di Rifredi: una terapia contro le terapie
Dal 21 luglio al 4 agosto è sbarcato dal Belgio a Firenze l'esperimento di psico-camminata urbana Walking Therapie grazie a Pupi e Fresedde del Teatro di Rifredi dopo il successo riscontrato anche negli adattamenti ad Avignone e Rennes.
WE LOVE ARABS @ Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: lo spazio scomodo dove non c'è un arabo
Continua con We Love Arabs la rassegna di danza contemporanea Fuori Programma al Teatro Vascello.  Hillel Kogan, coreografo israeliano proveniente dalla prestigiosa Batsheva Dance Company di Tel Aviv, apre questo spettacolo ironico e tagliente parlando al pubblico del movimento, della danza che penetra lo spazio, e di questo spazio che può essere vissuto dal corpo ma che a volte invece è ostile.
DON'T TALK TO ME IN MY SLEEP @Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: Warhol e sua madre, un rapporto difficile
Lo ammetto, non é stata una passeggiata assistere allo spettacolo, sono stati sessanta minuti intensi, dove ho provato sentimenti misti di angoscia e ansia. Geniale l'idea coreografica e la scelta del tema, seppur angosciante. Il rapporto tra madre e figlio, ma non quello sano che siamo soliti pensare. Quello perverso, ossessivo, ambivalente, claustrofobico, malato.
CORPO A CORPO: un ring fuori dalle righe @Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA
CORPO A CORPO di Nello Calabrò e Roberto Zappalà, ha concluso lo scorso 27 Luglio il Festival internazionale della danza contemporanea FUORI PROGRAMMA , sotto la direzione artistica di Valentina Marini.