IN QUALUNQUE POSTO MI TROVI @ Teatro Studio Uno: l’adolescenza gabbia d'oro
Di: Samantha Grasso
pubblicato il: 11/03/2018
categoria: RECENSIONI RM

Dall’8 all’11 marzo va in scena, al Teatro Studio Uno, uno spettacolo dai toni accesi, brillanti, una commedia quotidiana come quelle del balcone di fronte, come quella della camera accanto, come quella delle camere che, separate, conservano fragilità e redenzione nel petto d’ognuno di noi. 

IN QUALUNQUE POSTO MI TROVI  è un monologo, è un grido, è una preghiera. È il sospiro della sera di Noemi Radice ed Eleonora Cicconi che l’han scritto e dedicato alla voce di Eleonora che, quindicenne in scena, tortura i suoi capelli al ritmo dei pensieri che, a mano a mano, lega a quelli degli spettatori.

Eleonora è Gaia, una quindicenne alle prese con i difficili complessi dell’adolescenza, arrabbiata, sorridente, piena di voglia di vivere, impigrita dalla paura della società che la cerca diversa. Gaia è il contraddittorio risultato d’una mamma che pecca nell’ascolto e dei figli di ‘sto mondo ancor più sordo, che vuol fare la Youtuber per alzare il volume e diventare, finalmente, come il suo idolo, acclamata dalle folle, amata da qualcuno.

IN QUALUNQUE POSTO MI TROVI, diretto alla regia ancora da Noemi Radice,  veste le scene scarne d’una camera da letto ripiena di cuscini, ripiena come i biscotti che Gaia non sa se mangiare, ripiena come le fodere di quegli stessi cuscini che nascondono il mondo che lei vorrebbe, ripiena, piena dei sogni d’una quindicenne come troppe che non sa ancora dove andare né con chi, ma che sa andare, come tutte, ed ha bisogno d’una strada in cui farlo. 

Le musiche di Elena Radice, misurate, necessarie, accompagnano il monologo, appena carente di ritmo nella scrittura di qualche passaggio, che va ascoltato, osservato, assorbito da chi al mondo s’appresta e da chi lo vive da un po’ di più perché si possa, assieme, trovare la strada. Costruirla e percorrerla. Genitori, figli, persone. Mano nella mano.

Info:
IN QUALUNQUE POSTO MI TROVI
Di Noemi Radice e Eleonora Cicconi

Regia Noemi Radice
Con Eleonora Cicconi
 Dall’8 all’11 marzo 2018

Teatro Studio uno via Carlo della Rocca, 6  Roma

Riferimenti :

IN AGENDA

Settembre
26

NEWS

FARSI SILENZIO @ Chiostro di Villa Vogel. Il sacro ascolto dell'altro
La performance di teatro partecipato FARSI SILENZIO di Marco Cacciola e Tindaro Granata guida lo spettatore in cuffia alla ricerca del Sacro attraverso un pellegrinaggio fatto di incontri laici, agnostici e mistici
Se vuoi vivere felice non smettere mai di cercare - Fortunato Cerlino
Fortunato Cerlino ha scritto il libro, il romanzo che tutti noi vorremmo scrivere o aver già scritto.
WALKING THÉRAPIE @ Teatro di Rifredi: una terapia contro le terapie
Dal 21 luglio al 4 agosto è sbarcato dal Belgio a Firenze l'esperimento di psico-camminata urbana Walking Therapie grazie a Pupi e Fresedde del Teatro di Rifredi dopo il successo riscontrato anche negli adattamenti ad Avignone e Rennes.
WE LOVE ARABS @ Teatro Vascello - FUORI PROGRAMMA: lo spazio scomodo dove non c'è un arabo
Continua con We Love Arabs la rassegna di danza contemporanea Fuori Programma al Teatro Vascello.  Hillel Kogan, coreografo israeliano proveniente dalla prestigiosa Batsheva Dance Company di Tel Aviv, apre questo spettacolo ironico e tagliente parlando al pubblico del movimento, della danza che penetra lo spazio, e di questo spazio che può essere vissuto dal corpo ma che a volte invece è ostile.