IL CIRCO CAPOVOLTO @ Fringe Festival: un viaggio tra i ricordi
Di: Paola Brigaglia
pubblicato il: 08/09/2017
categoria: RECENSIONI RM

Il 3, 4 e 5 settembre, al Fringe Festival di Roma, è andato in scena IL CIRCO CAPOVOLTO di e con Andrea Lupo, diretto da Andrea Paolucci, prodotto dal Teatro delle Temperie. Branko Hrabal-Andrea Lupo è morto: sette coltellate gli hanno perforato la schiena.

È lui stesso a raccontarci, con un intenso monologo, la storia della sua vita e quella della sua famiglia di circensi, terminata in un campo di concentramento durante le deportazioni naziste dei rom. Durante la narrazione vi sono dei frequenti salti temporali che ci portano in tre diverse dimensioni: quella presente, in cui Branko giace morto e viene trovato, lavato e trasportato via dagli altri abitanti del campo baracche tra immagini oniriche di volpi venute a prenderlo per portarlo nell’aldilà; quella dell’anno trascorso nel campo, in cui i suoi unici veri interlocutori sono i bambini, curiosi dei suoi misteriosi scatoloni chiusi pieni di attrezzature circensi e quella della seconda guerra mondiale, quando suo nonno Nap’apò, capo di un circo, veniva deportato dai nazisti insieme a tutta la famiglia e ai suoi artisti in un campo di concentramento.

La recitazione è molto espressiva e comunicativa e varia spesso nella rapidità e nell’intensità, soprattutto nei passaggi da una dimensione temporale all’altra. L’arredamento di scena è praticamente assente, tranne che per alcuni scatoloni ammonticchiati: lo spettacolo è infatti incentrato sull’evocazione di ricordi e di immagini, è come una visione collettiva nella quale il pubblico viene esplicitamente invitato a immergersi «chiudete gli occhi e immaginate..».

Le musiche di David Sarnelli hanno un ruolo fondamentale in questa operazione: alternando fisarmoniche ad accompagnamenti elettronici, queste seguono e sottolineano il ritmo della narrazione, aiutando a rendere viva l’esperienza delle storie che ascoltiamo. Benché non molto originale, il tema ha sicuramente una forte valenza attuale ed è molto ben rappresentato.

Info:
Il Circo Capovolto

Teatro delle Temperie

PROVENIENTE DA
Valsamoggia

DI
Andrea Lupo

REGIA DI
Andrea Paolucci

GENERE
monologo

Riferimenti :

IN AGENDA

Febbraio
22

NEWS

INVISIBLE LIGHT@ Sala del Cenacolo del Complesso di Vicolo Valdina: Le fotografie di Sheila McKinnon per riflettere sulla condizione della donna ed il cambiamento climatico
Dal 15 al 23 Febbraio 2018, presso la Sala del Cenacolo del Complesso di Vicolo Valdina, alla Camera dei Deputati di Roma, la fotografa canadese Sheila McKinnon, espone la sua visione sui diritti delle donne e il pericolo del cambiamento climatico
VAN DYCK E I SUOI AMICI. FIAMMINGHI A GENOVA 1600.1640 @Palazzo della Meridiana
VAN DYCK E I SUOI AMICI. FIAMMINGHI A GENOVA 1600 -1640 è la terza mostra dedicata al Seicento, promossa dall’Associazione Amici di Palazzo della Meridiana a Genova e ospitata nelle splendide sale del Palazzo dal 9 febbraio al 10 giugno 2018
IO OBIETTO@Teatro Biblioteca Quarticciolo: morire di coscienza
È andato in scena sabato 9 e domenica 10 febbraio al Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma IO OBIETTO, scritto da Elisabetta Canitano, ginecologa e presidente dell'associazione Vita di Donna, spettacolo che denuncia la situazione penosa che l'Italia vive a causa dell'invadenza della religione nell'ambito sanitario.
SORELLA CON FRATELLO @ Teatro Argot Studio: un amore profanato all'estremo
Il regista Alessandro Machìa porta in scena dal 6 febbraio, teatro Argot Studio “Sorella con fratello”, il testo di Alberto Bassetti che chiude la “trilogia della famiglia” (composta da Le due sorelle e I due fratelli, premio Vallecorsi 2013)