AIR@Teatro Romano di Ostia Antica: Twentyears of Sexy Boys
Di: Rosella Matassa
pubblicato il: 05/08/2017
categoria: MUSICA

“You could be from Venus, I could be from Mars”. E davvero poteva sembrare talvolta di essere volati verso altri mondi durante il concerto degli AIR nel teatro romano di Ostia Antica questo lunedì. La cornice di pini ad abbracciare palco e platea, le ultime fioche luci del giorno, gli specchi sul palco disposti a mezza luna a fare da tela alle luci della serata.

Venus ad apertura ha illuminato di sonorità cosmiche l’aria, precipitando immediatamente il pubblico nelle tipicità del duo francese. Rapimento di luci per quello che è forse il pezzo più nostalgico. A seguire Don't be light, con la quale il ritmo è divenuto incalzante, per tornare ad alleviarsi con la romantica Cherry blossom girl. E così per tutto il corso del concerto, atmosfere calme e sognanti si sono alternate a momenti di maggiore intensità, nel dipanarsi di una scaletta che ha incluso i brani più famosi della band, brani contenuti nella raccolta Twentyears, uscita lo scorso anno per celebrare i vent'anni dagli esordi.

Momenti di profonda atmosfera durante Playground love e How does it make you feel, sicuramente tra i pezzi più attesi dalla platea assieme alla conclusiva vigorosa Kelly watch the stars. Dimensione sospesa infine quella della immaginifica Alone in Kyoto.

Nulla di autoreferenziale i musicisti si sono concessi, poiché proprio nella sinergia hanno espresso la loro amalgama sonica. Una placenta fluttuante nella quale ogni intervento è stato mirato a stratificare suono per suono e a farlo crescere organicamente. Non sono mancate sequenze dal piglio vivace, come le bordate sferrate dal batterista, cardiaco e trasognato all'elettronica quanto agile e risoluto all'acustica, nella quale ha dispensato fill rocciosi e in rapida sequenza, sempre affidabile come un motore tedesco. 

Nicolas Godin ha cesellato linee di basso granitiche e sinuose al tempo stesso, un filo distorte ma splendidamente intellegibili, cicliche e coese. Elegante alla chitarra, si è diviso come conveniva tra banjo, tastiere e canto vocoderizzato. Jean-Benoît Dunckel ha fatto la sua gran parte ai sintetizzatori, giocando con la voce nei cori.

Nonostante l'ingombrante componente tastieristica, tra Korg Ms20, Moog e piani elettrici, come sempre con gli AIR il suono d'insieme non cede mai alle mollezze tipiche dell'elettropop ed evita i luoghi comuni, facendo dei loro riferimenti culturali un delicato collage, che li decontestualizza e li rianima. Per questo sono gli AIR, ricchi di un retroterra senza frontiere, che include tutto, ma che rielabora in leggerezza!

Se dagli AIR ci si aspettava ciò che sono stati, sorpresa della serata sono stati invece i Parcels, che hanno aperto il concerto. Pulsanti ed attenti agli ultimi ritrovati della scena math, i giovani ragazzi australiani hanno alternato funk alla Chic, impasti vocali degni degli Everything everything , esuberanza ritmica e incastri start & stop millimetrici. Impeccabili nell'esecuzione e nella sincronia, sembravano lavorare per sottrazione, senza sovrapporsi l'uno all'altro. Ne è derivata una musica che si è moltiplicata esponenzialmente nella frattura della cellula ritmica, restando però legata dal lavoro delle voci che il tutto ha ben ricucito. Batteria che ha calcato sedicesimo per sedicesimo, cassa dritta e si è entrati subito in pista. La chitarra a ricordare Nile Rodgers, ma strizzando l'occhio ai Beatles. Ottimo e fantasioso il lavoro delle tastiere, sia per suoni che per arrangiamenti.

Sicuramente quella di lunedì è stata una serata magica anche per i giovani aussies, che con volti estasiati non hanno smesso un attimo di guardarsi attorno e, lodando la perfetta acustica del luogo, hanno definito il teatro di Ostia Antica il luogo più bello nel quale abbiano suonato.

La scaletta degli AIR ad Ostia Antica, 24 luglio 2017

Venus

Don't Be Light

Cherry Blossom Girl

J'ai dormi sous l'eau

Remember

Playground Love

People in the City

Radian

Alpha Beta Gaga

Run

Talisman

How Does It Make You Feel?

Kelly Watch the Stars


Alone in Kyoto

Sexy Boy

La Femme d'Argent

 

Riferimenti :

IN AGENDA

Luglio
18

NEWS

KAN YA MAKAN @ Teatro del Carcere di Sollicciano. C'era una volta, c'è ancora e ci sarà. Intervista alla regista Elisa Taddei
La Compagnia di Sollicciano, formata da attori detenuti, in scena nel Teatro del Carcere con la nuova produzione in prima nazionale, Kan Ya Makan, per la regia di Elisa Taddei: la meraviglia e la bellezza fiaba nel regno della pena
EIKONES @ OPRA PRIMA: Donne che credono all'ingegno delle donne
Raffinato, dotto e affilato il testo di Cecilia Bernabei, EIKONES è stato riportato in scena con maestria nel suggestivo ed adattissimo spazio riqualificato di Villa di Livia (a Prima Porta) all’interno della Rassegna OPRA PRIMA - Teatri di Pietra ancora in svolgimento in diverse location romane.
CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE: la Manifestazione a Roma
Il 21 maggio scorso, grande Manifestazione di piazza in difesa della Casa Internazionale delle Donne a rischio sfratto. Il Racconto di Simone Romano, presente tra la folla di manifestanti. Le emozioni, i canti, le speranze, di un popolo da difendere
ENRICO CARUSO: LA VOCE E LA PASSIONE @ Villa Caruso Bellosguardo: le passioni della vita e della carriera del divo Caruso
Nuovo spettacolo della Compagnia delle Seggiole dedicato alla vita e alla passione del tenore napoletano Enrico Caruso presso la Villa che è stata di sua proprietà sulle colline di Lastra a Signa (FI). Il primo ciclo si è concluso il 1 luglio.