Intervista alla giornalista e scrittrice Simonetta Caminiti
Di: Danilo Montaldo
pubblicato il: 15/04/2017
categoria: LIBRI

Simonetta Caminiti, calabrese, giornalista e altrettanto brava scrittrice. Ha pubblicato lo scorso anno con l'editore Lettere animate, la raccolta di racconti erotici dal titolo "Le ragazze del borgo", scritto con la collaborazione fotografica di Manuel Colombo. Una raccolta di racconti che narra con uno stile preciso e colto la sessualità delle tre protagoniste, Caterina, Elisa, Ily, una sessualità che freme di diventare vita. Ho avuto il piacere di intervistarla e conoscere qualche cosa in più su questo suo romanzo.

D.M: Simonetta giornalista e Simonetta brillante scrittrice. Cosa ha fatto scattare in te, la voglia di raccontare le storie contenute nella raccolta "Le ragazze del borgo"?

S.C: Anni fa, ero ancora una studentessa, e mi innamorai dei diari di Anaïs Nin. Poi, dei suoi racconti contenuti ne Il delta di Venere, che una cara amica mi aveva consigliato. Racconti erotici, ma soprattutto una grande lezione di magia. Di sensibilità, di rigore psicologico, di innocenza. Così cominciai a cimentarmi – io che ho sempre amato scrivere – in qualche prosa lirica erotica, e poi in qualche racconto. È rimasto tutto nel cassetto fino all’anno scorso, quando un bravo fotografo come Manuel Colombo mi ha chiesto di creare insieme un volume di racconti erotici e illustrazioni sue… Ecco come sono nate le mie “ragazze del borgo” che tanto amo. Rispolverando vecchie storie mai sopite.

D.M: Molto spesso anche in amore, oltre che nella vita, si cade in una quotidianità che in qualche modo nuoce al rapporto. Qual è secondo te la via per uscirne?

S.C: Non penso ci sia una via soltanto per non bloccare se stessi e un rapporto nelle piccole asfissie della quotidianità. Certo è che lo stupore è un sentimento da salvaguardare, soprattutto in un rapporto. Non mi piacciono i segreti, soprattutto se protetti da bugie, ma credo che delle piccole striature di mistero giovino a qualunque relazione: anche alle amicizie più longeve. Però temo che coltivare questa capacità sia più un dono naturale, ahimè, che il frutto di tecniche e strategie…

D.M: Per molti autori, scrivere storie significa "liberarsi dal peso di alcune esperienze del passato. È stato così anche per te?

S.C: Questo è successo soprattutto col mio romanzo, “Gli arpeggi delle mammole”, che con “Le ragazze del borgo”. L’adolescenza è quel momento della vita in cui, come non mai, si è transitori, si è in divenire, eppure paradossalmente tutto sembra eterno, destinato al “per sempre”. Più che fatti epocali accadono cose che lasciano dei segni epocali. Come la prima volta di qualunque cosa. In questo senso, scrivere il mio romanzo di formazione mi ha aiutata in questo processo (chiamiamolo di “liberazione”). Ma anche le mie ragazze del borgo mi somigliano abbastanza… Per piccole cose ciascuna, tutte e tre.

D.M: ti appartiene di più e quale personaggio ti ha trasmesso più emozioni mentre lo creavi?

Tra “Le ragazze del borgo”, senza far torto alle mie Lisa e Caterina, quella che è più nel mio cuore è la giovane Ily. Una creatura sola al mondo, convinta che la passione per un uomo sia l’unica cosa di cui è capace, l’unica in cui è brava e in grado di rendere felice se stessa e qualcun altro. L’unica che sembra saziare la voragine che ha dentro mentre insegue, senza saperlo, la tenue innocenza della sua età… Il primissimo fotogramma di Ily apparve sui miei quaderni nel 2011, in una sera d’estate. L’ho amata subito e non mi ha più lasciata.

Riferimenti :

IN AGENDA

Aprile
21

NEWS

LE VOCI UMANE @ Teatro della Limonaia. Partitura per un grido
Alessandro Baldinotti con LE VOCI UMANE quadruplica la protagonista del celebre monologo con le atttrici della giovane compagnia del Teatro del Mantice, in anteprima alla Limonaia di Sesto Fiorentino per la rassegna TRAM
HANNU PALOSUO: l'artista delle ombre
Incontriamo Hannu Palosuo, artista finlandese che vive a Roma dal 1989. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche di molti paesi del mondo. Centrale nella sua poetica è il tema della memoria e del ricordo.
WHITE RABBIT, RED RABBIT @ Teatro Cantiere Florida: una performance al buio per Fabrizio Gifuni
Al teatro Florida è andato in scena l’innovativo spettacolo di Nassim Soleimanpour, giovane autore iraniano: un salto senza rete, una sfida teatrale affrontata con coraggio e autoironia da Fabrizio Gifuni. Evento conclusivo di Materia Prima 2018
CANALETTO 1697–1768 @ Museo di Roma: Un viaggio nel cuore del ‘700 nella cornice del Museo di Roma Palazzo Braschi
Dall’11 Aprile al 19 Agosto 2018, al Museo di Roma Palazzo Braschi, un’inedita mostra delle opere di Canaletto provenienti da più parti del mondo, per la prima volta esposte in Italia.