L’IMPRESA FANTASTICA DELL’ATTORE COLANGELI - LETTURE DIVINA COMMEDIA

Dal: 15/11/2021 - Al: 13/12/2021
immagine non visualizzata
SITO WEB

Dal 15 novembre al 13 dicembre torna in scena al Teatro Argentina L’impresa fantastica dell’attore Colangeli, la Commedia recitata da Giorgio Colangeli, tra i pochissimi ad aver imparato l’intera opera a memoria, restituita al pubblico in nove appuntamenti: il 15, 21 e 22 novembre Inferno; il 28 e 29 novembre e il 5 dicembre, il Purgatorio; infine il Paradiso il 6, 12 e 13 dicembre. 

Come nel passato, quando le terzine dantesche erano patrimonio orale di ogni strato della popolazione, il viaggio del ciclo Dante a memoria passa anche attraverso la poesia detta. Giorgio Colangeli si avventura in un corpo a corpo con il testo dantesco nella sua integrità, rendendolo per noi suono, oralità, flusso cui abbandonarsi, rivivendone e riscoprendone il detto in un rituale collettivo, poetico e teatrale.

Realizzato dal Teatro di Roma con il contributo e la collaborazione del Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante AlighieriDante a memoria propone una analisi delle tracce dantesche nella cultura contemporanea, e in particolare nel linguaggio artistico e teatrale. Il progetto ha attraversato la stagione del Teatro di Roma nell’anno dedicato al poeta.

 

Gentile Spettatore, bentornato in teatro e grazie per essere venuto. Non sarà una serata facile; meglio dircelo subito. Né per me, né per te. Con Marco, abbiamo pensato e messo in atto quegli accorgimenti che ci sembravano utili ad accoglierti e a facilitarti; ma non ci nascondiamo, e non ti nascondiamo, che molto dovrai fare tu, insieme con me. La prima impressione potrebbe essere che non capisci nulla; ma la Guida dello Spettatore ti aiuterà a non perdere il filo del racconto. Sempre che tu non ti arrenda alle prime difficoltà. Procedendo, potrebbe succedere che continui a non capire nulla, ma questo "deficit" potrebbe sembrarti non più una menomazione, ma una  possibilità di accesso alternativo, una diversa comprensione. Terza fase: capisci. Non nella modalità che ti consentirebbe di ripetere a parole tue quello che hai ascoltato, la famigerata parafrasi scolastica; ma nell'esperienza, soggettiva e certa, di sensazioni ed emozioni che il testo ti suscita. Che è poi la modalità con cui "capiamo" un brano musicale, un quadro, una scultura, una istallazione. Perchè possa funzionare questo condizionamento, questa fascinazione, io dirò solo ed esclusivamente il testo di Dante: non una sola parola di commento o di spiegazione. Aiùtati con la Guida dello Spettatore che, passo dopo passo, ti segnala l'ultimo verso di ciascun canto, per darti la possibilità di tentare ancora, nel caso ti fossi un po' perso nel canto appena ultimato; ti segnala la posizione raggiunta nel cosmo dantesco, per darti la sensazione di essere sempre e, amorevolmente, seguito durante il viaggio. Il premio per te sarà scoprire bellezze ed emozioni, commozione e divertimento, non in questo o in quel canto, in questa o in quella terzina, non dove te lo aspetti, ma dappertutto in questo poema inesauribile. Io cercherò di dire tutto a memoria. Perchè questo sforzo titanico? Un po' per esibizionismo attoriale, lo confesso. Ma soprattutto per proporti un testo "parlante", già da me letto e assimilato a tal punto, che tu che ascolti possa dimenticare che è stato scritto e che di solito lo si legge, e possa illuderti di vederlo, il testo, personificato davanti a te, raccontare se stesso. Come succede a teatro. Perché, e questo è il grande premio per tutti noi, siamo di nuovo a teatro! Viva Dante! Viva il teatro! Giorgio Colangeli

IN AGENDA
NEWS
VITE DI GINIUS @ Sala Umberto: Mazzotta e la grammatica delle immagini e dell'audiovisivo
Al Sala Umberto è andato in scena lo scorso 17 gennaio VITE DI GINIUS , ultimo lavoro della compagnia cosentina Libero Teatro: in scena Max Mazzotta, volto del recente  "Freaks Out" (2021) di Gabriele Mainetti.
IL DIARIO DI ANNE FRANK @ Teatro Belli: quel buco angusto di vita
“Il Diario...” È tristemente vero come certe storie non abbiano bisogno di essere ricordate nei dettagli, nel finale, perché sono già note. Non c'è la sorpresa di come si conclude eppure emoziona tutte le volte. Storie molto raccontate perché passate per crudeltà alla storia vera e letteraria.
NOTRE DAME DE PARIS @ Teatro Due: bellezza storpia per sordi
Il monumento fiero di Paris, campeggia sul racconto e non riesce neanche a farvi ombra. Svetta sulla Ville lumiere e fa altra luce sui personaggi...NOTRE DAME DE PARIS di Victor Hugo è andato in scena il 21 e 22 dicembre con la regia di P.R.Gastaldi
A PUTECA DE’ SUONNE PERDUTE @Teatro TRAM: una metafora per il lavoro artigianale del teatro
"A puteca de' suonne perdute" svolge una funzione metateatrale di luogo di costruzione dello spettacolo mentre questo è già in scena grazie ai tre Artigiani-attori della bottega che danno vita a personaggi storici e mitici della tradizione napoletana