TREND-NUOVE FRONTIERE DELLA SCENA BRITANNICA XIV Edizione - a cura di R.di Giammarco

Dal: 13/11/2021 - Al: 11/12/2021
-
immagine non visualizzata
SITO WEB

In scena anche quest'anno TREND NUOVE FRONTIERE DELLA SCENA BRITANNICA - XIV EDIZIONE

Con due mesi di programmazione, non è esagerato dire che “Trend – Nuove frontiere della scena britannica”, in calendario al teatro Belli di Roma dal 13 ottobre all’11 dicembre, rassegna-festival che ha il sostegno del Comune di Roma, è l’appuntamento italiano più solido, più specializzato, più diversificato e più esteso in tema di drammaturgia contemporanea inglese prontamente tradotta e convertita in reading, mise en espace e spettacoli con attori e registi di casa nostra. L’attuale potenziamento ha in serbo quattordici titoli risalenti a tredici autori, perché figura due volte il repertorio di Simon Stephens (Waswater, Heisenberg), mentre il cartellone si sofferma sulla scoperta di Chris Thorpe (Confirmation), su scommesse che vanno da Stuart Slade (Cans) a Marina Carr (The Cordelia Dream), da Nina Raine (Tribes) a Penelope Skinner (Fred’s Diner), da Alistair McDowall (Captain Amazing) a Jen McGregor (Comfort&Joy), a Gary Duggan (Dedalus Lounge), proponendo nomi consolidati come David Greig (The Letter of Last Resort), Owen McCafferty (Unfaithful), Claire Dowie (All Over Lovely), Philip Ridley (Tender Napalm).

Come sempre “Trend” è una finestra che s’affaccia sulla cultura inglese del creare teatro, su una cultura inglese del farlo, e su una cultura inglese del percepirlo, facendo di tutto per sperimentare un’immediata versione a misura di giovani artisti, di realizzatori e di spettatori italiani.

 

IN AGENDA
NEWS
VITE DI GINIUS @ Sala Umberto: Mazzotta e la grammatica delle immagini e dell'audiovisivo
Al Sala Umberto è andato in scena lo scorso 17 gennaio VITE DI GINIUS , ultimo lavoro della compagnia cosentina Libero Teatro: in scena Max Mazzotta, volto del recente  "Freaks Out" (2021) di Gabriele Mainetti.
IL DIARIO DI ANNE FRANK @ Teatro Belli: quel buco angusto di vita
“Il Diario...” È tristemente vero come certe storie non abbiano bisogno di essere ricordate nei dettagli, nel finale, perché sono già note. Non c'è la sorpresa di come si conclude eppure emoziona tutte le volte. Storie molto raccontate perché passate per crudeltà alla storia vera e letteraria.
NOTRE DAME DE PARIS @ Teatro Due: bellezza storpia per sordi
Il monumento fiero di Paris, campeggia sul racconto e non riesce neanche a farvi ombra. Svetta sulla Ville lumiere e fa altra luce sui personaggi...NOTRE DAME DE PARIS di Victor Hugo è andato in scena il 21 e 22 dicembre con la regia di P.R.Gastaldi
A PUTECA DE’ SUONNE PERDUTE @Teatro TRAM: una metafora per il lavoro artigianale del teatro
"A puteca de' suonne perdute" svolge una funzione metateatrale di luogo di costruzione dello spettacolo mentre questo è già in scena grazie ai tre Artigiani-attori della bottega che danno vita a personaggi storici e mitici della tradizione napoletana