Al Teatro Stanze Segrete ‘Wilhelm Furtwängler Processo all’Arte’, Ennio Coltorti e Marco Mete tornano con un nuovo allestimento scenico

Dal: 08/01/2020 - Al: 09/02/2020
-
immagine non visualizzata
SITO WEB

Ennio Coltorti e Marco Mete
in
Wilhelm Furtwängler
Processo all’Arte
di Ronald Harwood
Adattamento a Regia e Allestimento scenico di Ennio Coltorti
e con Tomaso Thellung, Virna Zorzan, Licia Amendola,
Federico Boccanera

In prima nazionale, dall’8 gennaio al 9 febbraio 2020, al
 Teatro Stanze Segrete - Via della Penitenza 3 (Roma)

 A distanza di 25 anni dalla pubblicazione di Taking Sides, scritto nel 1995 da Ronald Harwood, debutta in prima nazionale al Teatro Stanze Segrete di Roma l’8 gennaio 2020 Wilhelm Furtwängler. Processo all’Arte, tratto dall’opera dell’autore britannico, con l’adattamento, l’allestimento scenico, e la regia di Ennio Coltorti: uno spettacolo filosofico, un’indagine storica unica sul ruolo dell’Arte e dell’impegno.

In scena due “mattatori” contemporanei, eccellenze del doppiaggio italiano, Ennio Coltorti e Marco Mete, affiancati da Tomaso Thellung, Virna Zorzan, Licia Amendola, Federico Boccanera.

“Chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Nessuno è tanto puro da poter giudicare. Ma di fronte a milioni di morti freddamente pianificati? Il titolo originale di questa straordinaria pièce (da cui è stato tratto anche un magnifico film) che mette in scena lo stringente interrogatorio  a cui un inflessibile e volgare maggiore americano alla fine della seconda guerra mondiale, durante il processo di denazificazione, sottopone il più grande direttore d’orchestra di tutti tempi, è “Taking side”: “Prendere posizione”. Si è responsabili di ogni azione, nel bene e nel male. Vale anche per l’artista? Per Caravaggio, Rimbaud, Byron, Marlowe, D’annunzio etc.? O l’artista è al di sopra dei comuni mortali e non può essere giudicato per colpe riguardanti il vivere civile? È recente il caso del grande attore Kevin Spacey. L’autore, abilmente, non dà risposte. Il delicato momento che sta attraversando il nostro paese rende estremamente attuale questo testo che esorta in ogni caso a “Prendere” coraggiosamente “posizione”. Un  inquietante viaggio quasi “artaudiano” nei misteriosi, e a volte mostruosi, meandri dell’animo umano. Un allestimento e una recitazione prettamente “cinematografici”. Uno spettacolo che, anche grazie allo spazio magico di Stanze Segrete, porta lo spettatore “dentro un film”.

Wilhelm Furtwängler. Processo all’Arte è in scena al Teatro Stanze Segrete di Roma, Via della Penitenza 3, dal 8 gennaio al 9 febbraio 2020, dal martedì al sabato ore 21.00; domenica ore 19.00, domenica 8 dicembre doppia replica ore 16.30 e 19.00. Prezzo biglietti 17 e 13 euro + tessera semestrale obbligatoria 3 euro. Info e prenotazioni: 0649772027,  info@stanzesegrete.it - www.stanzesegrete.it

IN AGENDA
NEWS
DA TIZIANO A RUBENS. Capolavori da Anversa e da altre collezioni fiamminghe @ Palazzo Ducale di Venezia
Dal 5 settembre 2019 al 1 marzo 2020 al Palazzo Ducale, la Fondazione Musei Civici di Venezia, insieme alla città di Anversa, presenta "Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa ed altre collezioni fiamminghe."
Intervista ad ANNA MÀLVICA: parola al Teatro
Ho assistito alla prima del Liolà di Pirandello. La commedia l'ho recensita per i lettori di Gufetto. Sapevo della partecipazione di un'amica e attrice di razza come Anna Màlvica: quindi mi sono accomodato nel velluto rosso del Quirino e...
QUASI NIENTE @ Teatro Point du Jour (Lione): la silenziosa ed assordante resilienza dell’antieroe
Dopo il successo riscontrato a Parigi sbarca a Lione QUASI NIENTE testo firmato dalla coppia Deflorian/Tagliarini ispirato a "Deserto rosso" di Antonioni. L'esaltazione della mediocrità, un inno all'antieroismo e alla sua resilienza nel mondo di oggi
GIUSTO LA FINE DEL MONDO @ Teatro Eliseo: il dramma di  Jean-Luc Lagarge in tinte colorate
Fino al 1 marzo 2020 F.Frangipane porta al teatro Eliseo il dramma dell’AIDS  di Jean-Luc Lagarge in GIUSTO LA FINE DEL MONDO in una messa in scena di forte impatto visivo e cromatico