DELIRIO A DUE di Eugène Ionesco

Dal: 15/02/2019 - Al: 24/02/2019
Teatro Vascello - Roma
immagine non visualizzata

dal 15 al 24 febbraio 2019 sala studio    
venerdì e sabato h 21.30, domenica h 18.30 (teatro) 
 
traduzione di Gian Renzo Morteo
regia Fabio Galadini
con Fabio Galadini – Lui   Valentina Morini - Lei
assistente alla regia Raffaele Balzano
video Laura Girolami
scene e costumi Lorenzo Rossi
sound design Mauro Lopez 
musiche Frederic Rzewski, Giacinto Scelsi, Luigi Nono

Una coppia si logora nel delirio dell'abitudine quotidiana, chiusa nel solipsismo del vivere privato mentre fuori l'umanità marcia inesorabile verso l'autodistruzione. 

Lui e Lei, normalmente normali, normalmente infelici, normalmente insoddisfatti della vita, passano il loro tempo litigando con cattiveria e violenza su futilità di ogni genere, rinfacciandosi disillusioni e sogni traditi. Parlano, urlano, disputano mentre intorno a loro, come in uno spaventevole controcanto, la guerra infuria. Nell'inconsistenza del dialogo riaffiora un passato rifiutato che, nel ricordo, appare migliore di un presente banale, sciatto e privo di certezze, e dove il linguaggio, invece di essere strumento di comunicazione, è un ostacolo insormontabile.  Sono i protagonisti di «Delirio a due», scritto da Eugène Ionesco nel 1962. Con loro è di scena la stupidità comica e avvilente degli esseri umani, offuscati dalle loro narcotizzanti abitudini, degradati nelle loro tristi banalità, inesorabilmente chiusi nei loro miseri egoismi, nella loro meschina autosufficienza, nel loro gretto conformismo, incapaci di dare un senso a ciò che accade intorno. Incapaci di vedere che, intanto, il mondo lì fuori muore. Fabio Galadini

 

"Nessuna società ha mai potuto abolire la tristezza umana, nessun sistema politico ci libererà dal dolore della vita, dalla paura di morire, dalla sete di assoluto. La condizione umana prevale sulla condizione sociale, non viceversa. Io invece voglio far apparire sulla scena una tartaruga, trasformarla in un cavallo da corsa, poi far sì che quest'ultimo diventi un cappello, una canzone, un corazziere, un'acqua di sorgente. In teatro si può osare tutto sebbene ora sia il luogo in cui si osa il meno possibile. Io mi sono proposto, per parte mia, di non riconoscere altre leggi che quelle della mia immaginazione; e poiché l'immaginazione ha delle leggi, ciò è una nuova prova che, in fine dei conti, non è arbitraria". Da Eugène Ionesco: Note e contronote, Torino 1965

Teatro Vascello
Visualizza sito web
SITO WEB
IN AGENDA
NEWS
VIAGGIO ALL’ISOLA ECOLOGICA @ Teatro La Baracca: racconto ecosostenibile a luci spente
Per la prima volta al Teatro La Baracca di Prato una cronaca complessa ci narra un gioco di corrispondenze tra realtà sociale e conoscenza grazie all'interpretazione di Maila Ermini, autrice del testo e anima del piccolo teatro.
SCENE DA FAUST @ Teatro Fabbricone: geometrie di luce sull'oscurità umana
Faust, ultima produzione del Teatro Metastasio, un classico messo in scena in prima assoluta dalla Compagnia Lombardi-Tiezzi al Fabbricone di Prato: in una scenografia diafana rinasce il mito del Dottore e il suo patto col Diavolo alter ego freudiano
CINQUINA! @ Teatro Tordinona: folle normalità
Una cinquina Folle al Teatro Tordinona con la regia di Sara Calanna. Cinquina è la commedia della Follia normale, quella annidabile in ognuno di noi compresi quelli seduti nelle comode poltrone del Teatro. La protagonista è Domitilla, docente di letteratura in preda alla sua crisi esistenziale
E ALLORA CADI @ Teatro Flaiano: il dubbio amletico secondo Avallone
Un affresco della nostra società frettolosa che ha baratto il pensiero e la libertà con altri bisogni effimeri. La cultura dimenticata negli scaffali di una vecchia libreria di quartiere. Il dubbio amletico e quello di Bruto in Giulio Cesare