Mister Green al Teatro della Cometa: La forza della compassione
Di: Rachele Fortuni
pubblicato il: 19/11/2015
categoria: RECENSIONI RM

Al Teatro della Cometa dal 12 al 29 novembre è in scena “Mister Green”, traduzione italiana (a cura di Michela Zaccaria) della rinomata piéce “Visiting Mr. Green” di Jeff Baron. Interpreti sono Massimo De Francovich e Maximilian Nisi, con la regia di Piergiorgio Piccoli e le musiche di Stefano De Meo.

La commedia, di ambientazione newyorkese, ruota attorno al confronto generazionale e culturale fra gli unici due personaggi: il signor Green (De Francovich), anziano ebreo ortodosso, scorbutico e misantropo e Ross Gardiner (Nisi), giovane impegato benestante. Un incidente stradale in cui sono entrambi coinvolti determina una forzata frequentazione settimanale dei due protagonisti, grazie alla quale a poco a poco disveleranno, l'un l'altro e al pubblico, il loro passato e i loro segreti, vere motivazioni del loro comportamento.

Il ritmo che scandisce questo processo di scoperta reciproca è uno dei fattori che più determinano il successo della messa in scena, attraverso una costruzione dei personaggi quasi centellinata, ma sempre vivace, grazie ai dialoghi.

In questo modo i protagonisti, che in un primo momento sembrano interpretare una classica e apparentemente prevedibile commedia sul conflitto tra generazioni, aggiungono di scena in scena, implacabilmente, episodi e sfaccettature alla loro narrazione, fino a restituire due personaggi reali, i cui comportamenti appaiono compiutamente coerenti e motivati.

La stessa evoluzione avviene con il tono generale della commedia: lo spettatore non è spiazzato, nel secondo atto, dall'assenza delle battute e delle situazioni divertenti che scandivano il primo, semplicemente perchè la vicenda è accompagnata naturalmente e con armonia verso i suoi momenti più seri.

Determinanti per la riuscita sono le performance dei due interpreti: Nisi è un Gardiner perfettamente credibile, dinamico e a suo agio nel passaggio fra i vari registri richiesti dal ruolo, ma una menzione particolare va all'interpretazione di De Francovich, misurato e impeccabile nel rendere Mr. Green allo stesso tempo orgoglioso e patetico nelle sue nevrosi e nelle sue debolezze.

Sono infine da citare l'ottima scenografia (a cura di Theama Teatro) e l'uso originale delle luci, che rendono fluido e corente il passaggio fra le scene, e le musiche di De Meo, variazioni su un tema dalle sonorità yiddish, diverse a seconda del clima della narrazione.

MISTER GREEN

DURATA: 90 minuti più intervallo

Teatro della Cometa - Via del Teatro Marcello, 4 – 00186
Orario prenotazioni e vendita biglietti: dal martedì al sabato, ore 10:00 -19:00 (lunedì riposto), domenica 14:30 – 17:00 - Telefono: 06.6784380

Orari spettacolo : dal martedì al venerdì ore 21.00, tranne giovedì 19 novembre unica replica alle ore 17,00. Sabato doppia replica ore 17,00 e ore 21,00. Domenica ore 17.00.

Costo biglietti: platea 25 euro, prima galleria 20 euro, seconda galleria 18 euro.

Riferimenti :

IN AGENDA

Settembre
21

NEWS

ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI: al Quadraro,un nuovo week end di musica, circo e teatro
Nuovo appuntamento con ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI, la rassegna di teatro, danza e visual art che sta animando Largo Spartaco nel quartiere Quadraro di Roma, con performance urbane, art-specific! La Rassegna terminerà il 30 settembre per poi spostarsi il 14 e 15 ottobre a Falerna e Calcata per due nuovi appuntamenti
LA VECCHIA DOROTEA@Teatro Gerolamo Milano
‘La vecchia Dorotea’ spettacolo storico della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli ritorna fino al 17 settembre 2017 nell’antica sede restaurata del Teatro Gerolamo in Piazza Beccaria facendo rivivere il passato anche urbanistico di Milano
Freschezze letterarie di Settembre
Quando si torna dalle vacanze, si è ancora un po’ smarriti. Emotivamente abbiamo ancora le sensazioni dei momenti e dei luoghi vissuti nei viaggi e che inesorabilmente ci trasciniamo nella routine lavorativa che non vogliamo.
LE NOTTI BIANCHE@Fringe Festival: «breve ma intenso»
La recitazione è molto trascinante, soprattutto durante i monologhi di Gabriele Granito e di Fabio Matteo Maffei, che creano dei momenti intensi e poetici.